Notizie

LA PROF. CECILIA ASSANTI

La Prof. Cecilia Assanti è morta improvvisamente il 4 giugno 2000 a Trieste. Di origini meridionali, di cui giustamente si vantava, Cecilia Assanti ha passato tutta la vita a Trieste e nella sua Università, di cui ugualmente poteva vantarsi, dov’è stata professore di diritto del lavoro; ha partecipato all’affascinante opera della costruzione del diritto del lavoro, con opere monografiche e di manualistica, sempre con passione e impegno allo stesso tempo scientifico e ideologico. Fra le opere monografiche, suggerisco al ricordo quelle sulla prova, sul termine, sulle sanzioni disciplinari, sui contratti collettivi, sul lavoro femminile, sul “sommerso”; per la manualistica, oltre al Corso di diritto del lavoro per i tipi della Cedam, da indicare per il connubio di sintesi e rigore, ricordo il commentario dello Statuto dei lavoratori scritto con G. Pera, che, in concorrenza — concorso con analoga opera dei colleghi bolognesi, ha contribuito davvero a cambiare prima il diritto e poi i rapporti civili.

Di Cecilia Assanti piace ricordare anche l’impegno politico e sociale, manifestato in particolare con la partecipazione al Consiglio Superiore della Magistratura, come consigliere comunale a Trieste, con attività diretta fra la gente, sempre con entusiasmo e coerenza.

In Lav. giur. è uscito, postumo, l’ultimo saggio. La pubblicazione ha accompagnato il ricordo. Quindi, in un raccolta di saggi della Prof. Assanti sul lavoro femminile, pubblicata a Trieste nel 2001 a cura della Consulta femminile, è apparso un interessante contributo, rimasto ancora inedito, che racchiude molto del pensiero dell’Autore.

Michele Miscione

Condividi sui social

Genera PDF

Stampa PDF Invia tramite email

Articoli correlati

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter!

L'invio della presente autorizza al trattamento dei dati personali ai sensi del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196